Calda-Calda, Cecina o Farinata?

Calda-calda

Oggi facciamo una gita in Toscana, precisamente a Carrara, tra le cave di Marmo delle Alpi Apuane, con una ricetta facilissima cui non potete più rinunciare, la Calda-calda!

Se vi state chiedendo cosa sia è presto detto, in Liguria è la Farinata, nel resto della Toscana è nota come Cecina, ma a Carrara, terra di scultori, cavatori ed anarchici è assolutamente la Calda-calda, strano nome in effetti, ma se ci pensate anche normale, visto che si gusta appen sfornata, ma le origini del nome sono  altre e sono antiche, chi la cuoceva nei forni girava poi per i vicoli e le strade strette del centro storico portando la teglia sotto braccio, urlando “Calda! Calda”, chiamando così a raccolta donne, ragazzi e bambini.

Può essere mangiata da sola, tagliata a quadrotti, oppure, come tradizione vorrebbe, come ripieno per la focaccia, una chicca!

Se vi capita di passare da Carrara, il miglior posto per gustare l’originale calda-calda è la Pizzeria Tognozzi, in via Santa Maria, nel cuore del centro storico, a due passi dal Palazzo dell’Accademia, dietro il Duomo e la Piazzetta delle Erbe, in ogni caso vi basta dire che volete assaggiare la calda-calda di Franca e tutti saprano dirvi dove si trova!

La Calda-calda perfetta, andrebbe cotta nel forno a legna e in teglie di rame a fondo stagnato o ferro, ma se non avete, come me, questa fortuna potete utiizzare tranquillamente il  forno di casa, avendo cura di scaldarlo e cuocere a massima temperatura, nel mio caso a 250°.

Ingredienti per 2 teglie da 30 cm di diametro

Farina di Ceci 300 g
Acqua fredda 1 Lt
Olio Extravergine d’Oliva 1/2 bicchiere
Sale 1 cucchiaino
Pepe 1 spolverata

Calda-calda

Preparazione

Tempo di preparazione 10 minuti – Tempo di riposo 2 ore – Tempo di cottura 12 minuti

Prendete una grande ciotola e versatevi tutta l’aqua fredda, aiutandovi con una frusta a mano o elettrica iniziate ad unire la  farina di ceci a pioggia, mescolando in continuazione in modo che non vi si formino grumi.

Sempre continuando a mescolare con la frusta, aggiungete l’olio extravergine d’oliva a filo ed il sale, dovrete ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Lasciate riposare per almeno 2 ore.

A riposo avvenuto, spennellate le vostre teglie con olio e versate in ognuna 4-5 mestoli di farinata.

Cuocete in forno già caldo, a 250° per 10 minuti, in ogni caso dato che sappiamo che ogni forno è diverso, fino a che si forma in superficie una crosticina dorata.

Sfornate spolverizzate con del pepe nero macinato al momento e servite subito, ricordatevi che è una Calda-calda!!!

Print Friendly, PDF & Email
ShareShare on Facebook1Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest3Share on StumbleUpon0Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*