Kringle Estone

Kringle Estone

Eccomi di ritorno dopo le feste, non sono fautrice delle diete pertanto vi propongo un dolce, tipico dell’Estonia, il Kringle, un impasto lievitato molto simile a una pasta brioche profumata alla cannella, servito nelle occasioni speciali e nelle festività.

Il Kringle oltre ad essere buono e molto profumato, è anche bello da vedere nella sua caratteristica forma intrecciata, pochi ingredienti per un risultato appagante e delizioso, la crosticina esterna, grazie allo zucchero di canna risulta croccante, mentre l’impasto è morbido, un dolce perfetto per la colazione o per un dopocena tipicamente dell’Est con una buona tazza di the caldo o, se preferite osare, una buona vodka!

Io l’ho preparato per Capodanno, visto che quest’anno il tema erano proprio i Paesi dell’Est Europeo, magari per la nostra tradizione risulta un dolce più da colazione, ma va molto a gusto personale, a me è piaciuto proprio perché non era troppo ricco di farciture e creme varie.

Se volete provarlo, tenete conto che dovrete far ammorbidire il burro per almeno un’ora a temperatura ambiente e che per la lievitazione occorrono in totale due ore e trenta minuti, per il resto è facilissimo da preparare, quindi allacciate i grembiuli e partiamo.

Kringle Estone

 

Ingredienti per 8-10 persone

Farina 0 300 g
Uovo 1
Latte 120 ml
Burro 40 g
Miele 40 g
Lievito di Birra 25 g
Sale 1 pizzico

Per la farcia:

Burro 50 g
Zucchero di canna 4 cucchiai
Cannella 2 cucchiai

Kringle Estone

Preparazione

Tempo di Preparazione: 30 m – Tempo di Lievitazione: 2 h e 30 m – Tempo di cottura: 30 m

 

Prima di procedere con la preparazione del dolce, tirate fuori dal frigorifero il burro, il latte e l’uovo.

Riscaldate il latte, senza farlo bollire, in un pentolino, quando a temperatura versatene metà dose in una ciotola e sbriciolatevi il lievito di birra fresco, fatelo sciogliere completamente e lasciate riposare per 10 minuti.

Unire il miele alla restante metà dose di latte caldo e amalgamare.

Setacciate la farina nella ciotola della planetaria, unite il lievito sciolto nel latte ed iniziate ad impastare a velocità medio-bassa (per me che ho il Kenwood a velocità 2 e appena si amalgama al 3) per 1 minuto.

Sbattete l’uovo con un pizzico di sale ed unitelo all’impasto, aggiungete ora anche il latte con il miele e impastate fino ad ottenere un composto elastico e liscio, a questo punto incorporare anche il burro morbido.

Prelevate l’impasto dalla planetaria e con le mani formate una palla, con un coltello ben affilato incidete a croce la parte superiore e lasciatela lievitare al caldo per 2 ore.

Quando mancano 10 minuti al termine della lievitazione, fate fondere il burro per la farcia e tenetelo da parte ad intiepidire.

A lievitazione avvenuta, stendete la pasta con il matterello, creando un rettangolo con altezza di 5 mm.

Mettete il rettangolo sulla leccarda del forno rivestita con carta forno, in modo che non dobbiate più spostarla, spennellate l’intera superficie con il burro fuso, spolverate con lo zucchero di canna e la cannella e arrotolate ben stretto per il lato lungo del rettangolo.

Una volta arrotolato, con un coltello ben affilato, tagliate per il lungo il rotolo, lasciando intatta l’estremità superiore, circa 2-3 cm.

Ora iniziate ad arrotolare i due pezzi di rotolo tra di loro, al termine avvolgetelo per formare una corona.

Lasciate lievitare ancora per circa 30 minuti.

Terminata anche la seconda lievitazione, spennellate la corona di pasta con il burro fuso e spolverate con zucchero e cannella a piacere.

Infornate, in forno già caldo, a 180° per 30 minuti, a cottura ultimata, sfornate e lasciate intiepidire su una gratella per dolci quindi servite.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

  1. Manuela

    Pensavo ci volesse più tempo invece in qualche ora si prepara un dolce fantastico! Segno tutto … voglio proprio provare a farlo. .. magari per pasqua!
    Grazie cara buona serata Baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.