Patate Duchesse

Patate Duchesse

Buon giorno blogger, ieri sera ho cucinato le Patate Duchesse per la prima volta, dopo tanto tempo che volevo provarle, finalmente mi è venuta l’ispirazione… quindi vi posto la ricetta, su cui, come spesso accade, ho fatto delle piccole modifiche sulle dosi degli ingredienti.

Sono sfiziosissime ed anche molto carine da presentare se avete ospiti, anche solo come contorno ad un arrosto, per non proporre sempre le solite patate al forno.

Patate Duchesse

Ingredienti per 4 persone (circa 30 patate duchesse):

600 g di Patate (per purè)
50 g di Burro
30 g di Parmigiano grattugiato
3 tuorli d’Uovo (2 per impasto e 1 per lucidatura)
Sale e Pepe q.b.
1 pizzico di Noce Moscata

 Preparazione:

Lavate bene le patate e fatele bollire con la buccia, io le facci al vapore utilizzando la vaporiera del microonde, quindi le cuocio per 15 minuti, se non l’avete potete bollirle in acqua per 30 minuti.

Una volta cotte, lasciatele intiepidire (non troppo altrimenti farete fatica ad amalgamare poi l’impasto), sbucciatele e passatele con uno schiacciapatate raccogliendole in una ciotola.

Inserite nella purea di patate il burro, mescolate bene per amalgamare il tutto quindi aggiungete il parmigiano grattugiato, il sale il pepe e la noce moscata (una spruzzata), mescolate nuovamente.

Aggiungete ora i tuorli d’uovo, amalgamate bene e trasferite l’impasto in una sac à poche con bocchetta a stella (io ho usato quella da 12mm)

Foderate la placca con carta da forno, create le vostre patate duchesse com movimenti rapidi e sicuri, in modo che siano tutte della stessa dimensione, quindi spennellate la superficie con il tuorlo sbattuto.

Infornate nel forno preriscaldato a 180° per 15-20 minuti, dipende dal forno, regolatevi controllando la superficie delle patate, devono essere ben dorate.

Servite ben calde come contorno o come antipasto, magari anche per un finger food.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.