Pollo alla Guinness

Pollo alla Guinness

Spero che vi piaccia la birra perché oggi, nella ricetta che vi propongo, è l’ingrediente principale, era un po’ che rimurginavo sul piatto giusto da provare, non volevo utilizzare una birra chiara, ma una più corposa e aromatica, non troppo acidula ma neppure dolce, poi l’idea che mi ha portato a questo Pollo alla Guinness!

Lei è la birra perfetta con l’aggiunta degli aromi che ho scelto per il piatto, del resto io amo l’Irlanda e quindi non poteva che essere la Guinness di preferenza, una birra scura, di tipo Stout (o porter, come veniva denominata in passato) ad alta fermentazione e prodotta con malto d’orzo tostato con gradazione alcolica di 5% vol.

Se preferite, potete utilizzare anche un altro tipo di birra, ma attenzione perché ovviamente il sapore del piatto finito è diverso a seconda che usiate una chiara, una rossa o una birra analcolica (che però vi sconsiglio), eliminerei per esempio l’alloro dagli aromi per una birra chiara ed aggiungerei ad una rossa un paio di bacche di ginepro. Tengo a sottolineare, per chi è astemio, che la gradazione alcolica presente nella Guinness viene assorbita durante la cottura, quindi state tranquilli, potete azzardarne l’utilizzo 😉

Pollo alla Guinness

Per il pollo, come sempre Amadori per me, io ho scelto di cucinarne le cosce o fusi, potete anche optare per il pollo intero aperto come si usa per la brace, oppure utilizzare altre parti a vostro gusto, vi sconsiglio però il solo petto di pollo che potrebbe risultare leggermente stopposo nonostante la marinatura.

per accompagnare il pollo alla Guinness potete scegliere un pure di patate, delle carote con patate al vapore, magari aromatizzate con rosmarino (come ho fatto io), o del riso Basmati anch’esso cotto al vapore, l’importante è che siano contorni delicati e semplici perché il piatto è molto saporito e lo rovinereste sovrapponendo ulteriori aromi.

Ingredienti per 4 persone

Pollo Amadori Fusi (cosce) 8
Birra Guinness 1 da 33 cl
Cipolla Rossa 1
Carota 1
Rosmarino 2 rametti
Alloro 2 foglie
Origano fresco 2 rametti
(se non lo avete utilizzate 2 cucchiai di quello secco)
Aglio fresco 3 spicchi
Olio extravergine d’oliva 3 cucchiai
Burro 20 g
Sale 2 cucchiai
Pepe nero 1 spolverata

Pollo alla Guinness

Preparazione

Tempo di preparazione: 20 minuti – Tempo di riposo: 120 minuti – Tempo di cottura: 45 minuti

 

Preparate per prima cosa le cosce di pollo, togliete loro la pelle ed eventuali parti di grasso, quindi salatele e pepatele su tutti i lati.

In una teglia o pirofila mettete 1 cucchiaio di olio extravergine ed adagiatevi le cosce di pollo condite, unite il rosmarino, l’origano, l’alloro e l’aglio distribuendoli uniformemente intorno al pollo, infine versate la birra.

Pollo alla Guinness - Marinatura

Coprite con la pellicola trasparente e fate marinare per 2 ore, girando le cosce dopo 1 ora in modo da avere una marinatura uniforme.

Nel frattempo lavate e mondate la carota e la cipolla, tritatele finemente con il mixer e tenete da parte.

Trascorso il tempo di marinatura del pollo, prendete una padella capiente versatevi 2 cucchiai di olio extravergine, unite il burro e fatevi soffriggere il trito di carota e cipolla, prelevate le cosce di pollo dalla marinata e ponetele in padella facendole rosolare da ambo i lati per qualche minuto.

Quando le cosce sono dorate aggiungete il liquido della marinata, portate a bollore quindi abbassate la fiamma e cuocete per 35-40 minuti, le cosce dovranno essere morbide e ben cotte, durante la cottura rigirate almeno un paio di volte il pollo.

Pollo alla Guinness - Cottura

A cottura ultimata spegnete il fuoco, lasciate riposare un paio di minuti e servite ben calde, irrorando con il fondo alla birra.

 

Print Friendly, PDF & Email
ShareShare on Facebook61Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest5Share on StumbleUpon0Email this to someone

Commenti

  1. Manuela

    IO ADORO LA BIRRA, preferisco la bionda, ma non disdegno assolutamente anche le altre. Proverò sicuramente Silvia, deve essere proprio succulento questo pollo: ottimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*