Vellutata di Topinambur profumata al Tartufo Nero

Vellutata di Topinambur profumata al Tartufo Nero

Vellutata di Topinambur profumata al Tartufo Nero

Buongiorno amici, non spaventatevi per la ricetta, questa vellutata di topinambur profumata al tartufo nero non svuoterà il vostro portafogli, certo il piccolo amico non ha costo e reperibilità facili ma se vi capita di fare un salto a qualche sagra, come ho fatto io domenica scorsa a Casteggio, potete permettervi una pepita nera se non magari anche una bianca, sebbene più costoso e pregiato.

Se proprio non potete comprare il tartufo, vale comunque la pena di provare la vellutata perchè il topinambur è davvero squisito, dal sapore delicato molto simile al carciofo si presta molto bene, insieme alla patata, a minestre e vellutate, al limite potete spolverizzare con della paprika, il risultato ovviamente non sarà lo stesso ma comunque soddisfacente.

E’ un primo piatto che si presta alle serate fredde in cui serve riscaldare non solo lo stomaco ma anche il cuore, un piatto elegante adatto ad una cena con ospiti particolari, ottimo accompagnata da un buon vino rosso come una Bonarda ferma o un Pinot Nero.

Ingredienti per 4 persone

  • Topinambur 500 g
    Patate 2
    Scalogno 1
    Brodo vegetale 1/2 Lt
    Tartufo Nero 1 grattata per ciascun piatto
    Olio extra vergine di oliva 2 cucchiai
    Sale q.b.

per i crostini:

  • Pane casereccio 4 fette
    Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai

Preparazione:

Pelate i topinambur e metteteli a bagno in acqua acidulata con mezzo limone per non farli annerire, pelate le patate e tagliatele a dadini, quindi scolate e tagliate anche il topinambur a tocchetti delle stesse dimensioni delle patate.

Tritate lo scalogno e soffriggetelo in una casseruola con l’olio d’oliva, non appena imbiondisce unite i cubetti di patate e quelli di topinambur, mescolate e fate insaporire per un paio di minuti.

Scaldate il brodo vegetale e versatelo nella casseruola con patate e topinambur, cuocete a fiamma bassa per 35-40 minuti.

Nel frattempo preparate i crostini, tagliate le fette di pane a quadratini, se volete potete eliminare la crosta per un aspetto più uniforme ed elegante, io solitamente preferisco lasciarla.

In una padella scaldate l’olio ed unite i dadini di pane, fate rosolare bene da tutti i lati e scolate su carta paglia l’unto in eccesso.

A cottura ultimata delle patate e topinambur, devono essere morbidissimi, frullateli con il mixer ad immersione, fino ad ottenere una crema, rimettete sul fuoco per 1 minuto, aggiustate di sale, se la vellutata dovessere risultare troppo densa potete aggiungere del brodo.

Versate la vellutata nei singoli piatti, spolverate generosamente con il tartufo nero grattato al momento, distribuite qualche crostino al centro e servite ben calda.

Vellutata di Topinambur profumata al Tartufo Nero2

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

  1. Manuela

    Adoro il tartufo e trovo che questo abbinamento sia perfetto Silvia! Fra poco inziano anche qui le sagre e spero di trovarlo, l’anno scorso ho avuto la fortuna di riceverlo come regalo da un’amica Toscana! Chissà se anche quest’anno penserà a me! 😉
    ehi, ti aspetto con una tua ricetta al mio contest, mi raccomando!!!!
    baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.